mercoledì 18 marzo 2015

scoprirsi fluidi

"Dopo il seminario ho pensato spesso alla fluidità e a quanto siamo liquidi dentro, nel vero senso della parola. 
Il cervello è sospeso nel liquido cerebrospinale (e mi piace pensare che anche i nostri pensieri siano immersi-sommersi) .. i liquidi dell'occhio ci permettono di vedere ... i liquidi delle orecchie di sentire e stare in equilibrio...

Pensandomi come un corpo fluido, le asana - specialmente quelle di equilibrio - sono non tanto più facili, quanto più lineari e unite

E più lente, perché ho sempre la tendenza a correre, anche verso il compimento dell'asana perfetta
Esploro meglio il limite, che non è più una linea netta e marcata ma diventa uno spazio sfumato che si muove e che puoi seguire e, sempre lentamente, spostare. Tipo una pennellata di acquerello, per rimanere in tema.

Ma anche i pensieri cambiano, se mi concentro sulla loro fluidità. 

Per un individuo con Vata molto squilibrato come me, il pensiero è aereo, veloce, quasi a raffica, spesso estenuante. 
Trasformando i pensieri in acqua, o semplicemente immergendoli nel liquido del cervello, si placano da soli e diventano silenziosi, come succede ai suoni quando ti immergi in acqua con tutta la testa. 

Sicuramente la fluidità ora fa maggiormente parte della mia pratica; del resto, non ho mai cercato di raggiungere la perfezione assoluta ma solamente la "mia" asana perfetta. Quella che non mi fa male, che potrei tenere a lungo senza affaticarmi e che mi permette di respirarci dentro con un respiro fluido. Se mi accorgo che non respiro, allora è il segnale che devo fare (fluidamente) un piccolo passo indietro.

M.D."

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...